Tu sei qui
Home > Cronaca e Attualità > La banda Petiliana di Delia protagonista a San Pietro

La banda Petiliana di Delia protagonista a San Pietro

viaggio banda a roma (1)Delia. Splendida esperienza per l’associazione complesso bandistico “Petiliana” di Delia che, a tre anni di distanza dall’ultima volta, è tornata a Roma per festeggiare il 60esimo anniversario dell’Anbima, l’associazione che unisce le bande italiane.

Loading...

Partiti venerdì mattina in autobus, i musicanti, accompagnati dal sindaco Gianfilippo Bancheri e da don Lino De Luca, sabato hanno visitato Roma, e in particolare la chiesa di Santa Cecilia in Trastevere, mentre domenica mattina si sono recati a San Pietro. All’interno della basilica, i musicanti di Delia, insieme a tutti quelli provenienti da ogni parte d’Italia, hanno avuto l’onore, il piacere e il privilegio di animare la Messa suonando sotto la direzione di Monsignor Marco Frisina. È stato un momento molto intenso e emozionante e che ha visto protagonista anche don Lino De Luca che ha concelebrato la Messa.

Quindi in piazza i musicanti deliani hanno suonato alcune marce e le musiche tipe deliane, da quelle che Totò Montebello ha definito “ratteddri”, alle musiche delle “Novene” di Natale, all’Incontro. Il tutto prima e dopo l’Angelus, altro momento molto emozionante per i musicanti che hanno ascoltato le parole di Papa Francesco e sono stati inquadrati dalle telecamere della regia internazionale.

I musicanti sono stati ospitati nella “Casa Eden Cusmano” diretta dalla Superiora Generale della stessa struttura e Superiora Generale delle “Suore serve dei poveri”, la deliana suor Palmina Borzellino. A lei e alle suore la banda ha donato i prodotti tipici di Delia e cioè olio, vino, uva, cuddrireddri mentre l’amministrazione, rappresentata proprio dal sindaco e dall’assessore Carmelo Alessi (anche lui musicante) un quadro del castello di Delia, la copia dell’estratto di nascita e due libri che recavano questa dedica: “A suor Palmina Borzellino della quale, come deliani e come amministrazione, siamo orgogliosi per essersi fatta portavoce dell’amore di Cristo tra i fratelli. Delia ama i suoi figli nel mondo”. E ancora “A suor Palmina che si è fatta onore seguendo un cammino spirituale, di crescita interiore, spendendo la sua vita a servizio dei fratelli fuori di Delia. Perché non dimentichi le proprie radici e affinché sappia che il nostro paese è orgoglioso di tutti i suoi concittadini che, come lei, la vita ha portato altrove”.
In cambio sia la banda che gli amministratori hanno ricevuto la statua della Maria Madre della Misericordia

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su