Tu sei qui
Home > Politica > Politica regionale > Regione: il Pd sfiducia Antonello Cracolici

Regione: il Pd sfiducia Antonello Cracolici

cracolici antonello ceLa guerra dichiarata dai renziani in Sicilia non riguarda solamente il governatore. A distanza di meno di un’ora dalla lettera di Baccei che mette in mora Crocetta e dalla nota degli assessori regionali Pd del Crocetta quater, un’altra lettera agita il gruppo Pd al suo interno.

Loading...

Lo scontro, stavolta, è fra renziani e cuperliani e in particolare contro il neo assessore Antonello Cracolici. Tutto nasce dalla conclusione della riunione di Martedì. Per evitare di spaccare il partito sull’elezione del capogruppo rivendicato sia dai renziani che dai cuperliani il segretario Fausto Raciti aveva chiesto di rinviare il voto e di inserire l’elezione in una più ampia strategia politica.

Con un colpo di mano, però, il capogruppo uscente Antonello Cracolici ha convocato per martedì una nuova riunione dei 24 deputati con un solo punto all’ordine del giorno: ‘determinazioni del capogruppo’. Una convocazione, peraltro, nella medesima giornata che l’Ars dedicherà all’elezione delle nuova commissioni.

Una convocazione che non è andata giù ai renziani. Per questo motivo è stata depositata una lettera della maggioranza del gruppo, firmata da 13 deputati, nella quale si invita Cracolici ad aggiungere all’ordine del giorno le dimissioni del capogruppo nominato assessore.

Di fatto una sfiducia implicita che apre lo scontro anche dentro il gruppo Pd. I renziani, di fatto, hanno deciso di abbandonare i toni morbidi e accomodanti e di andare allo scontro forti dei numeri potendo contare su 13 deputati contro 11

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su