Tu sei qui
Home > Politica > Il Tar dichiara inammissibile il ricorso. Giambrone rimane sindaco di Cammarata

Il Tar dichiara inammissibile il ricorso. Giambrone rimane sindaco di Cammarata

giambrone sindaco cammarataIl Tar ha respinto, dichiarando inammissibile, il ricorso di Vincenzo Carità, candidato sindaco di Cammarata sconfitto nell’ultima tornata elettorale da Vincenzo Giambrone che quindi rimane in carica.

Loading...

L’ex deputato regionale era stato eletto con 1655 voti contro i 1644 di Carità che presentò ricorso sostenendo che si erano verificati degli errori che quindi rendevano, a  suo dire, illegittime le votazioni. In particolare Carità aveva ritrovato una scheda elettorale davanti il suo studio medico che era stata sequestrata dai Carabinieri.

Giambrone, il presidente del consiglio Vito Mangiapane e diversi consiglieri, difesi dagli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, si sono costituiti in giudizio e i due legali si sono appellati al “Principio di strumentalità delle forme, secondo cui non possono comportare l’annullamento delle operazioni elettorali quei vizi da cui non deriva alcun pregiudizio di livello garantistico o alcuna compressione della libera espressione del voto, risultando irrilevanti le irregolarità che non abbiano compromesso l’accertamento della reale volontà del corpo elettorale” e sostenendo “l’inammissibilità del ricorso per mancato esperimento della querela di falso, laddove la veridicità dei verbali non risulta censurata mediante la necessaria querela di falso”.

La seconda sezione del Tar Sicilia, presieduta da Cosimo di Paola, condividendo le eccezioni formulate dagli avvocati Rubino e Impiduglia, ha dichiarato inammissibile il ricorso elettorale proposto da Carità e quindi Giambrone rimane sindaco di Cammarata.

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su