Tu sei qui
Home > Politica > Elezioni Raffadali. Il Tar Sicilia accoglie ricorso di Piero Giglione

Elezioni Raffadali. Il Tar Sicilia accoglie ricorso di Piero Giglione

cuffaro-giglioneRaffadali. La Seconda sezione del Tar Sicilia ha accolto il ricorso di Piero Giglione, sconfitto nell’ultima tornata elettorale per soli cinque voti da Silvio Cuffaro, oggi sindaco del Comune agrigentino, e con un’ordinanza dispone “la verifica dei verbali, delle tabelle, dei prospetti e di tutte le schede contestate, complessivamente una cinquantina, in 8 sezioni”.

Loading...

Dopo gli accertamenti in questione, dovrà provvedere direttamente il prefetto di Agrigento o un funzionario da lui scelto nell’ambito dell’Ufficio territoriale del governo. E gli uffici della Prefettura, entro 45 giorni, dovranno ultimare la delicata attività di verifica per poi inviare tutto il materiale raccolto ai magistrati, i quali hanno già fissato per il 10 marzo del prossimo anno la nuova udienza per l’ulteriore discussione della causa.

“Resto sereno e fiducioso” ha commentato Giglione aggiungendo che “Noi siamo fortemente convinti delle nostre ragioni e l’iniziativa di proporre ricorso non è stata frutto dell’amarezza legata alla sconfitta, ma dettata da una serie di anomalie e incongruenze, da noi puntualmente riscontrate, nell’assegnazione delle preferenze in diversi seggi, che hanno finito per penalizzare me e il cartello politico di appartenenza. Il pronunciamento del Tar va letto, secondo me,  non come punto a mio favore, ma semplicemente come ricerca a fare  piena chiarezza nel segno della legalità, nel rispetto delle regole e a beneficio dell’espressione democratica. Le decisione del Tribunale  amministrativo di affidare le operazioni di approfondimento delle schede elettorali al massimo rappresentante provinciale del governo è certamente una garanzia per tutti – conclude Giglione – e l’epilogo di questa vicenda, comunque andrà a finire, assumerà un alto e significativo  valore in termini di legittimazione dell’amministrazione comunale chiamata a governare la comunità raffadalese”.

Articoli Simili

Loading...
Copy
Su